Sicurezza e sospensione dell'attività imprenditoriale

Il 18 settembre 2008 il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, ha emanato una direttiva in materia di servizi ispettivi e attività di vigilanza. Con essa viene ridefinito il ruolo istituzionale degli ispettori che, in una nuova logica di servizio e non più di mero esercizio di potere, dovranno creare un clima collaborativo con l’azienda e i lavoratori ispezionati. La direttiva chiede di non dare seguito alle richieste anonime di ispezione. Il fine ultimo della direttiva è quello di evitare discriminazioni e di non punire esasperatamente le microimprese. In particolare, la sospensione dovrà avere decorrenza delle ore 12 del giorno successivo a quello di accesso ispettivo ovvero, nell’edilizia e in agricoltura, dalla cessazione dell’attività in corso che non possa essere utilmente interrotta, salvo che non vi sia imminente o grave rischio per la salute dei lavoratori o di terzi, nel qual caso la sospensione va impartita con effetto immediato. Infine, la direttiva ritiene che la sospensione non debba colpire la micro impresa trovata con un solo dipendente irregolarmente occupato.

Per leggere e scaricare il documento in formato pdf cliccare sull'icona sottostante.


1