Infotel

giovedì 7 agosto 2014

parapetti provvisori prefabbricati utilizzati nei cantieri

La pubblicazione riporta i risultati dello studio, svolto dal Dipartimento Tecnologie di Sicurezza (DTS) dell’Inail, che riguarda le misure di prevenzione e protezione impiegate nei cantieri temporanei o mobili; tra tali misure rientrano i parapetti.

Analisi delle caratteristiche funzionali e di resistenza di differenti tipi di parapetti provvisori prefabbricati utilizzati nei cantieriNel documento viene effettuata un’analisi delle caratteristiche geometriche, funzionali e di resistenza di alcuni fra i tipi di parapetti provvisori prefabbricati più diffusi sul mercato italiano ed impiegati dai lavoratori autonomi e dalle PMI. Tali parapetti rappresentano uno dei dispositivi di protezione collettiva più efficaci per eliminare o ridurre i rischi derivanti dall’esecuzione dei lavori in quota. Inoltre, vengono anche confrontate le caratteristiche geometriche, funzionali e di resistenza di questi prodotti con alcuni requisiti previsti nella norma UNI EN 13374: 2004.

Il presente studio ha lo scopo di verificare, per alcuni fra i prodotti presenti sul mercato, il soddisfacimento dei requisiti geometrici e di resistenza previsti dalla UNI EN 13374:2004.

Tale norma tecnica si applica ai sistemi di protezione dei bordi e suddivide i parapetti provvisori in tre classi, in base ai requisiti prestazionali che possiedono.
La geometria del parapetto deve essere tale da permettere di sostenere una persona che si appoggia alla protezione o di trattenerla quando cammini o cada nella direzione dello stesso (classe A) o trattenere la caduta di una persona che scivola in basso da una superficie inclinata (classe B), o fortemente inclinata (classe C). La persona cioè non deve attraversare la protezione.
La resistenza del parapetto è fondamentale in quanto esso si deve opporre alle azioni statiche dovute della persona o alla trattenuta della caduta in direzione della protezione (classe A) o alle azioni statiche e dinamiche in caso di urto per scivolamento da una superficie inclinata (classe B) o ancora alle sole azioni dinamiche in caso di urto per scivolamento da una superficie fortemente inclinata (classe C). La persona cioè non deve abbattere la protezione.
Tali elementi, geometria e resistenza, sono essenziali per la valutazione delle caratteristiche che i parapetti provvisori prefabbricati debbono possedere per assolvere alla loro funzione di dispositivo di protezione collettiva.

Nel presente studio si farà riferimento esclusivamente ai requisiti geometrici e di resistenza previsti per le classi A e B.

In particolare si analizzeranno diverse tipologie di montanti prefabbricati, quali supporto principale del parapetto. Partendo da una valutazione geometrica del montante che permette di individuarlo come appartenente alla classe A o B, si procederà alla verifica dei requisiti di resistenza previsti per quella classe attraverso le prove sperimentali indicate dalla UNI EN 13374

Posta un commento