Infotel

sabato 9 agosto 2014

salute e sicurezza sul lavoro

Le riforme che negli anni si sono succedute in materia di salute e sicurezza sul lavoro, a partire dalla prima legge di riforma sanitaria (Legge 833 del 1978), per giungere fino al D.Lgs. 81/2008, hanno costituto un significativo spartiacque con le disposizioni legislative che dal lontano 1883, anno di nascita dell’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (Inail), hanno caratterizzato l’Istituto per le funzioni eminentemente assicurative e previdenziali, di recente affiancate da funzioni di carattere prevenzionale. La presente monografia ripercorre, dunque, la storia della prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali in Italia, dal punto di vista della normativa e della sua applicazione.

sicurezza_lavoro1.pngCome è ben descritto dagli autori nel primo capitolo di questo libro, nel corso dei 130 anni che ci separano da quel primo atto normativo l’Inail - accompagnando i cambiamenti culturali, sociali, economici, lavorativi che l’Italia ha attraversato - ha mutato progressivamente il suo ruolo divenendo, da ente erogatore di prestazioni prevalentemente a carattere economico, un soggetto pubblico attore e garante di un più ampio sistema di tutela globale e integrata.

Ruolo rafforzato dall’incorporazione dell’ISPESL, ente pubblico di ricerca, e dell’IPSEMA avvenuta con la Legge 122/2010 che con la creazione, nell’Istituto, del Polo della salute e della Sicurezza rappresenta oggi un modello unico e originale a livello europeo.

L’attuale scenario colloca quindi l’Inail nel quadro di un sistema partecipato della prevenzione cui concorrono i Ministeri, le Regioni, le Parti Sociali con compiti di informazione, formazione, assistenza, consulenza, promozione della cultura della prevenzione e ricerca in materia di salute e sicurezza sul lavoro e dei lavoratori.

Le pagine che seguono, curate dalla Sovrintendenza Sanitaria Centrale cui hanno contribuito le diverse Strutture competenti, intendono offrire una rappresentazione delle principali attività prevenzionali dell’Istituto in coerenza con la missione e gli indirizzi istituzionali, dal punto di osservazione della Sovrintendenza.

Posta un commento